Eurovision, Elina Nechaiova canta un pezzo italiano

Ha un titolo e un testo in italiano - "La forza" - il pezzo, legato alla tradizione operistica italiana, portato dalla cantante estone Elina Nechaiova all'Eurovision Song Contest, la competizione internazionale di musica leggera che quest'anno si tiene a Lisbona, alla Altice Arena. La semifinale, cui è stata ammessa l'Estonia, si terrà l'8 maggio.

Foto: Andres Putting

Elina Nechaiova, nata a Tallinn nel 1991, avrà il compito di riportare il paese baltico nella finale della kermesse continentale, ma secondo i bookmaker punterà molto più in alto. È infatti considerata una potenziale candidata alla vittoria.

Soprano laureata in canto lirico all'Accademia di Musica e Teatro estone, nel 2009 la Nechaiova ha partecipato alla terza edizione del talent show "Eesti otsib superstaari" ("L'Estonia cerca la sua superstar"), ma senza successo.

Nel 2014 si è imposta come finalista nella competizione televisiva Klassikatähed ("Le stelle della classica"). Quest'anno, eccola sullo stesso palco, in gara a conquistare la corona.

Elina Nechaiova, ha vinto in febbraio la selezione eurovisiva nazionale - l'"Eesti Laul" - su 20 competitori:

  • Stig Rästa - Home

  • Metsakutsu - Koplifornia

  • Elina Netšajeva - La forza

  • Aden Ray - Everybody's dressed

  • Frankie Animal - (Can't keep calling) Misty

  • Nika - Knock knock

  • Iiris & Agoh - Drop that boogie

  • Etnopatsy - Külm

  • Vajé - Laura (Walk with me)

  • Miljardid - Pseudoprobleem

  • Tiiu x Okym x Semy - Näita oma energiat

  • Desiree - On my mind

  • Rolf Roosalu - Show a little love

  • Eliis Pärna & Gerli Padar - Sky

  • Girls In Pearls - Spellbound

  • Marju Länik - Täna otsuseid ei tee

  • Indrek Ventmann - Tempel

  • Sibyl Vane - Thousand words

  • Evestus - Welcome to my world

  • Karl Kristjan & Karl Killing (feat. Wateva) - Young

Molti i nomi importanti che hanno partecipato all'Eesti Laul: Dave Benton e Tanel Padar, che nel 2001 avevano vinto l'edizione 2001 dell'Eurovision Song Contest; la sorella di quest'ultimo Gerli Padar, già in gara nel 2007 con "Partners in crime"; Stig Rästa, settimo con Elina Born all'Eurovision nel 2015. E si sono presentati anche alcuni giovani emergenti come Iris, il cui stile è paragonato a quello di Björk; Florence & The Machine; Kerli e Regina Spektor; nomi di grido come Rolf Roosalu, già spokesperson ad Oslo 2010 e uno dei maggiori cantautori estoni; la sessantenne Marju Länik, una delle artiste più importanti d'Estonia negli anni 70.